Welcome! You are currently on our Italy site. Select our United States site to find your local currency, language and product selection.

Bici Consegna Gratuita | 2 - 5 giorni | Acquista biciclette

Close
Please Select
Close
Please Select

 

 

Siamo creatori. In Brompton, tutti contribuiscono a creare le nostre bici che permettono alle persone di spostarsi, di trovare la propria strada e di divertirsi.

Dai primi bozzetti fino all'articolo finito, sono le persone dietro al prodotto che ci rendono diversi.

Siamo Brompton.

 

We are Brompton Matt Kirk

 

 

Siamo Brompton, Matt Kirk, caposquadra Saldatura, Fabbrica di Sheffield

 

 

Ci racconti qualcosa del tuo lavoro?

Sono il caposquadra presso lo stabilimento Brompton Sheffield, ed ero letteralmente il dipendente numero uno! Questa squadra è partita con una stanza vuota e ci abbiamo messo anni a costruirla, formando le persone e sviluppando nuove macchine.

 

 


Cosa ti ha portato a scegliere questo lavoro? Come sei arrivato qui?

Sono stato fortunato. Per costruire una carriera nel settore manifatturiero, sono necessarie qualifiche ed esperienza. Non avevo né una né l'altra, ma avevo il giusto approccio per iniziare e fare un ottimo lavoro. Sono stato formato da un saldatore certificato (qualificato ed esperto) che ha lavorato nel settore aerospaziale. Mi ha passato progetti e mi ha insegnato come fare le cose. Prima, sono diventato un saldatore. Poi sono diventato un bravo saldatore.

Con il supporto della squadra di Londra, sono diventato caposquadra. Ora sto lavorando con il mio mentore per sviluppare la struttura aziendale e diventare direttore di produzione. Il fatto è che qui le persone hanno un'opportunità. Si tratta di questo.

 

 

We are Brompton Matt Kirk

 


Quali sono stati i tuoi primi pensieri quando hai iniziato a lavorare al progetto T Line?

Quando abbiamo iniziato a svilupparlo in fabbrica, ero davvero entusiasta. Sono rimasto stupito da tutto il lavoro di progettazione. Abbiamo dovuto capire come far combaciare tutti i pezzi, ottimizzare le sollecitazioni, assicurarci che le nostre saldature rispettassero standard molto rigorosi. Stavamo partendo da zero.

 

 

Quali sono stati i tuoi più bei ricordi, ma anche le difficoltà maggiori legati al progetto?

Quello che ricordo più volentieri è la prima volta che ho visto la bicicletta finita. Abbiamo ricevuto la scatola dalla fabbrica di Londra e quando l'abbiamo aperta ho visto il telaio che avevo fatto e ho pensato, wow! Ero così orgoglioso di quello che eravamo riusciti a realizzare!

La mia più grande sfida, o priorità, è ottimizzare i processi per poter soddisfare la domanda. Alcune parti sono più difficili da raggiungere e da saldare rispetto ad altre. È essenziale assicurarsi che tutti si sentano a proprio agio durante il lavoro e mantenere gli standard di saldatura che ci siamo prefissati. Si corre avanti e indietro tra ingegneri del progetto, produzione e utensili, assicurandosi di aver trovato il modo migliore per fare tutto quanto.

 

 


Secondo te, cosa rende così speciale lavorare in Brompton?

Poter progredire. La cosa speciale qui è che le persone investono su di te. Nessuno l'ha mai fatto per me prima, beh sì, la mia famiglia, ma è diverso. Se fai un buon lavoro hai l'appoggio per passare al livello successivo. Abbiamo lo strumento All Hands (scarichiamo tutti gli strumenti per gli aggiornamenti a livello aziendale provenienti dalla direzione), e le persone si condividono le informazioni. Amo ciò che rappresenta.

 

 

In azienda ci sono ruoli molto diversi e questi richiedono una gamma altrettanto eclettica di competenze e caratteristiche. C'è qualcuno al quale ruberesti il ruolo per una giornata?

Organizzerei l'All Hands! Per renderlo il migliore e il più piacevole possibile per tutti i partecipanti. Oh aspetta, forse vorrei scambiarmi con Paul Williams (direttore di produzione) per un giorno. Sarei il grande capo per tutta la giornata, così potrei vedere cosa significa! Solo per un giorno, però..

 

 

We are Brompton Matt Kirk

 

Ci racconti il momento più memorabile da quando sei entrato a far parte di Brompton?

Quando l'intera squadra è stata invitata a Londra per i Campionati del mondo di Brompton.

Penso fosse il 2018. Andammo tutti a Londra e ci sistemarono in un albergo. È stato davvero bello vedere le persone fuori dal lavoro e totalmente in relax. Abbiamo guidato le nostre biciclette a Londra e ci siamo divertiti un sacco.

 

 


Rilassarsi e staccare la spina è sempre importante. Come ti piace trascorrere il tempo extra-lavoro?

Non mi annoio mai. Mettila così! Amo cucinare e giocare con i sapori e quando riesco a creare una ricetta davvero buona, per me è stupendo. Faccio molta mountain bike e un po' di fotografia. Mi piace portare la mia macchina fotografica alle corse motociclistiche. Sono fanatico degli aerei quindi vado a molte esibizioni di aeronautica. Mi piace allenare la mente e condurre una vita attiva.

 

Occorre il duro lavoro di ogni singolo membro dello staff Brompton per portare le nostre piccole bici pieghevoli dal primo bozzetto fino alla spedizione.

Leggi di più sul nostro fantastico team qui.